Lettere a Litchfield – “Bisogna avere il coraggio di essere propositivi. Così la pandemia mi ha cambiato la vita”

Un anno fa, era il 21 febbraio 2020, arriva la notizia del primo paziente italiano positivo al coronavirus, a Codogno, in provincia di Lodi. Da quel giorno la nostra vita non è stata più la stessa. Stiamo ancora combattendo con una pandemia con cui dovremo conviverci, concordano gli esperti, per un paio d’anni. Intanto, per… Read More Lettere a Litchfield – “Bisogna avere il coraggio di essere propositivi. Così la pandemia mi ha cambiato la vita”

Lettere a Litchfield – “Ho recitato per la prima volta al Piccolo di Milano, era l’ultimo spettacolo prima del lockdown”

In pochi lo ricorderanno, ma al Piccolo Teatro di Milano l’ultimo spettacolo andato in scena prima che la pandemia facesse calare il sipario è stato il “Faust” di Goethe. Scorrendo i nomi degli attori sulla locandina, l’ultima della stagione segnata dal coronavirus, c’è Francesca Gabucci, 31 anni, di Pesaro. Per lei, performer e regista con… Read More Lettere a Litchfield – “Ho recitato per la prima volta al Piccolo di Milano, era l’ultimo spettacolo prima del lockdown”

Lettere a Litchfield – “Io, prof, ho dormito a scuola insieme agli studenti”

“Grazie per aver sentito ‘il bisogno di reagire e lottare per una scuola migliore che rispecchi’ le vostre esigenze”. Alberto Locatelli, 38 anni, è professore di Storia e Filosofia al liceo scientifico Severi-Correnti di Milano. Durante l’occupazione di venerdì 15 gennaio ha dormito a scuola insieme ai ragazzi. Per tenerli d’occhio e per essere presente… Read More Lettere a Litchfield – “Io, prof, ho dormito a scuola insieme agli studenti”

Lettere a Litchfield – “Lottiamo per una scuola migliore”

Le scuole di Milano sono in fermento da giorni. Le occupazioni si susseguono, una dietro l’altra. L’istituto Severi-Correnti di via Alcuino, in zona City Life, è stato uno dei primi con gli studenti che hanno trascorso la notte in palestra. Prima di entrare però hanno fatto una scelta responsabile, quella di sottoporsi, tutti, ai tamponi… Read More Lettere a Litchfield – “Lottiamo per una scuola migliore”

Lettere a Litchfield – Una milanese a Parigi e il coronavirus: “Francesi incoscienti, italiani paranoici”

Un pizzaiolo italiano che tossisce e sputa sulla pizza al coronavirus: un video shock che forse voleva essere satirico mandato in onda dalla tv francese Canal+ e poi ritirato in seguito all’ondata di indignazione. Siamo a marzo. L’Italia è stata travolta da un nuovo virus di cui nessuno sa niente e i cugini d’Oltralpe ci prendono… Read More Lettere a Litchfield – Una milanese a Parigi e il coronavirus: “Francesi incoscienti, italiani paranoici”

Scarpe rosse e assorbenti, l’installazione degli studenti per dire stop alla violenza sulle donne

Anche la scuola dice “basta” alla violenza contro le donne e nella Giornata voluta dalle Nazioni Unite per sensibilizzare su questo tema, gli studenti dedicano un’opera. Siamo all’istituto tecnico e professionale Galilei-Luxemburg di Milano. Un gruppo di studenti di Grafica, in collaborazione con la galleria Art Mall di via Torino, ha creato un’installazione con duecento… Read More Scarpe rosse e assorbenti, l’installazione degli studenti per dire stop alla violenza sulle donne

Lettere a Litchfield – “Il mio lockdown a Londra come nel Decamerone. Così ho imparato a stare bene con me stessa”

“Questo 2020 così cupo e complicato mi ha insegnato molte cose. La più importante è che, in fondo, non importa dove si sia confinati, con chi e per quanto tempo. Ciò che conta davvero è la capacità di stare bene con se stessi, trovare i propri spazi e i modi giusti per esprimere chi si… Read More Lettere a Litchfield – “Il mio lockdown a Londra come nel Decamerone. Così ho imparato a stare bene con me stessa”

Lettere a Litchfield – “Caro nonno, addio. Oggi finalmente riusciamo a esaudire il tuo desiderio”

Dirsi addio durante il lockdown era uno di quei gesti semplici che nessuno avrebbe pensato, un giorno, di non potere realizzare. L’anno del coronavirus, invece, ci ha fatto scontrare con l’impossibilità del quotidiano e con nuove forme di illibertà. Lasciare andare via gli affetti più cari senza la ritualità dell’ultimo saluto è stato uno di… Read More Lettere a Litchfield – “Caro nonno, addio. Oggi finalmente riusciamo a esaudire il tuo desiderio”

Lettere a Litchfield – “Sono un giovane medico, ci dicono che siamo il futuro, ma ci impediscono di lavorare”

Ci scrive questa lunga e appassionata lettera Victor Campagna, 31 anni. Victor si è laureato in Medicina all’Università degli Studi di Milano pochi mesi prima dello scoppio della pandemia e da quando è iniziata l’emergenza sanitaria è in prima linea, insieme a un gruppo di giovani camici bianchi in tutta Italia, per velocizzare l’ingresso di… Read More Lettere a Litchfield – “Sono un giovane medico, ci dicono che siamo il futuro, ma ci impediscono di lavorare”

Lettere a Litchfield – “Cari nonni, la Dad è un sacrificio che faccio volentieri, per proteggervi”

Lunedì 26 ottobre è il giorno in cui gli adolescenti sono tornati alla didattica a distanza. Dopo sole sei settimane, si è tornati alla scuola del lockdown. In questi giorni gli studenti hanno protestato con flash mob per le strade e le piazze di Milano e qualcuno anche tra i banchi. Nessuno di loro è… Read More Lettere a Litchfield – “Cari nonni, la Dad è un sacrificio che faccio volentieri, per proteggervi”